GRAZIE DI CUORE PER LA VOSTRA IMMENSA GENEROSITÀ

  • Cari amici sostenitori,  è passato un po’ di tempo da quando è iniziato il difficilissimo periodo dell’epidemia e da quando avete generosamente risposto al nostro urgente appello di aiuto in favore dell’Ospedale di Vicenza.

    Avremmo dovuto ringraziare tutti immediatamente, ma eravamo “in trincea” (la metafora non è causale) e abbiamo potuto farlo ora nel primo momento di relativa calma. Un ringraziamento che vogliamo sia il più concreto possibile, vale a dire comunicando con trasparenza pubblicamente quanto abbiamo incassato, come abbiamo speso o stiamo spendendo.

    Siete stati in tanti !  A tutto il 30 giugno 2020 ben 11.713, tra cittadini, aziende, associazioni, fondazioni, pro loco, scuole e comitati genitori, società sportive, alpini e associazioni d’arma, collegi notarili, parrocchie e diocesi cattoliche, altre confessioni religiose.

    Insieme avete versato la significativa somma di  4.723.867 euro, che abbiamo cercato di impiegare al meglio per far fronte all’emergenza.

    Fino al 30 giugno questi sono gli investimenti effettuati, divisi per categoria:        

    €    164.287     per 1.866 unità di reagenti e materiali di consumo
    €      77.021     per 14.191 tute e affini
    €    100.446     per 12.402 dosi di disinfettanti e dispenser
    €      54.683     per 20.224 lavaggi e analisi
    €    454.809     per 157.906 maschere del tipo FFP2
    €    172.632     per 368.701 mascherine chirurgiche
    €    569.713     per 112.047 camici mono e multiuso
    €     664.993     per 420 apparecchiature tra cui 40  ventilatori polmonari, ecografi per rianimazione, radiografo trasportabile, tromboelastografi e kit per test, barelle da alto bio-contenimento,  apparecchi di misurazione elettronici.

    Per un totale netto di € 2.502.041
    ai quali abbiamo dovuto aggiungere € 266.502 per IVA
    Per un totale generale di  € 2.768.543 ( pari al 59% della raccolta).

    L’unione tra la capacità finanziaria e la flessibilità operativa ha reso possibili immediati interventi sulla protezione individuale di medici e infermieri tanto che la relativa percentuale di contagi è tutt’ora la più bassa tra gli Ospedali del Veneto.
    La disponibilità di alcune strumentazioni ha inoltre facilitato la capacità di diagnosi e individuazione delle terapie, accrescendo ovviamente  il livello di dotazione tecnologica di reparti come rianimazione, cardiochirurgia e radiologia.

    Passata la fase acuta dell’emergenza abbiamo spostato la nostra attenzione su attrezzature destinate anche agli altri Ospedali dell’ULSS8, ed in particolare Arzignano e Valdagno, con apparecchiature per la rianimazione, Sandrigo per il servizio di mammografia, Lonigo per il soccorso ai servizi sociali prestati in ospedale da volontari. Il tutto per un valore stimato oggi in € 730.000 da acquisire nel prossimo trimestre.

    Raggiungeremo pertanto il 75% della somma raccolta.
    Sul rimanente pensiamo di rimanere prudenti, e pronti in prima linea, fintantoché non si alzerà la bandiera bianca della fine dell’emergenza.

    Ecco il nostro concreto ringraziamento unito al più caloroso saluto.

    Al prossimo aggiornamento!

    Franco Scanagatta

    firma Franco Scanagatta

    Con tutto Il Comitato di Gestione della Fondazione
    Adriana Maltauro, Paola Ferretto, Dino Menarin, Alessandro Belluscio, Michele Amenduni